8 OPERAI A NERO, 113.000 EURO DI MULTA, PANIFICIO CON ALIMENTI IN CATTIVO STATO SCOPERTI DAI CARABINIERI

Nel corso di una operazione dei carabinieri della tenenza di Sant’Antimo insieme al nucleo ispettorato del lavoro e al nucleo per la tutela della salute, finalizzata al contrasto delle violazione delle norme sulla sicurezza del lavoro e le condizioni igieniche sanitarie, predisposta dalla Compagnia di Giugliano guidata dal Cap. Antonio De Lise, sono state controllate due attività commerciali, un opificio di produzione di capi di abbigliamento da uomo in via Montale e un panificio

Nel primo caso i militari hanno scoperto 8 operai bengalesi e pakistani cosiddetti “in nero” di cui 3 senza permesso di soggiorno. L’attività è stata sospesa e l’intero opificio posto sotto sequestro elevando circa 113.000 euro di sanzioni amministrative per violazione di norme di igiene e sicurezza sul lavoro. Il titolare un bengalese di 20 anni residente a Casandrino è stato deferito in stato di libertà. Nella stessa mattinata è stato deferito in stato di libertà B.R. di 29 anni di Sant’Antimo in quanto titolare di un panificio dove i militari dell’arma, hanno rinvenuto alimenti in cattivo stato di conservazione. I circa 20 kg. di prodotti alimentari contenenti in buste non per alimenti e privi di tracciabilità e scadenza, sono stati sottoposti a sequestro. 

 

NEWS CORRELATE