Grumo Nevano, EVITIAMO LO SCIOGLIMENTO, MENTRE SALE LA TENSIONE SU URBANISTICA E PRIVATIZZAZIONE DEI TRIBUTI

In attesa degli sviluppi da parte della Procura della Repubblica nel merito delle inchieste in corso, rimane il problema irrisolto che interessa alla città: poter contare su un’amministrazione nuova, slegata da ogni dinamica, anche la più minima e superficiale, da questi eventi giudiziari, anche la sola appartenenza “ideologica”, per dare finalmente un segnale di serenità.

Le ipotesi di reato sono di una gravità estrema, adesso si attendono i colloqui di garanzia per poter chiarire ognuno la propria posizione, ma al di là dei risultati e dai futuri provvedimenti, noi ci soffermiamo sulla questione politica, quella che più interessa la città. Abbiamo ascoltato tanti cittadini i quali, al di là delle varie valutazioni positive o negative sui singoli, all’unanimità hanno invitato tutti a dimettersi convinti dell’arrivo di una commissione d’accesso agli atti da più parti ritenuta inevitabile. Allora evitiamo l’ulteriore schiaffo alla città per uno scioglimento che, alla luce degli ultimi eventi, potrebbe apparire non tanto lontano. Grumo Nevano non è nelle condizioni di subire una tale decisione, ha bisogno di essere amministrata finalmente positivamente e con uno spirito diverso da quello fino ad ora visto, per tentare di ricostruire le macerie lasciate sul campo. Ma i segnali non sono confortanti, non vanno nella direzione che la città si attende. Le dimissioni non arrivano e forse non arriveranno mai con la scusa di evitare l’abbandono della nave che sta per affondare, chiaramente poco credibile. Nel frattempo si pensa ad alcuni progetti in itinere e sale la tensione su alcune scelte urbanistiche, sulla eventuale privatizzazione dei tributi, sul nuovo capitolato d’appalto della gestione dei rifiuti. Pare che le intercettazioni telefoniche e le indagini abbiano scoperchiato un pentolone da dove non sappiamo ancora cosa potrebbe uscirne fuori. Occorre una svolta politica coraggiosa e non più rinviabile, altrimenti prepariamoci ad altri momenti bui.

NEWS CORRELATE