Grumo Nevano, LEGALITA’, TOTALE IMBARAZZO PER UN INTERVENTO POCO FELICE DELL’ASSESSORE GIAMETTA

A chi era presente all’incontro con il Dott. Raffaele Cantone, non è sfuggito l’inopportuno intervento dell’assessore Carmela Giametta, la quale pur di sottolineare alla platea la prestigiosa carica ricevuta dalle mani del facente funzioni Carmine D’Aponte, rimarcando di avere un sindaco arrestato da 7 mesi, poneva al Dott. Cantone il dilemma di una sua presenza in un esecutivo del genere, una sorta di “legittimazione” a continuare nel mandato dal presidente dell’ANAC, il quale, visibilmente imbarazzato, non ha potuto rispondere altro che rimandare l’assessore Giametta alla sua coscienza nel rimanere o meno a gestire le deleghe legittimamente assegnategli da D’Aponte.

Si, egregia assessore Giametta, la legittimazione a rimanere lei già ce l’ha, gli è stata data da chi l’ha nominata, nel caso specifico, dal sindaco facente funzioni e non viene chiesta, seppur idealmente, ad una carica terza, Se poi l’assessore alla legalità e trasparenza, in un’amministrazione – come da lei stessa ricordato alla platea scolastica– vede il sindaco agli arresti domiciliari da 7 mesi, e noi aggiungiamo, con una consigliere comunale decaduta per reati penali, un vigile urbano agli arresti da 7 mesi, un funzionario interdetto, 12 avvisi di garanzia etc,etc….aveva l’esigenza di chiedere pubblicamente  al Dott. Cantone se era giusto o meno rimanere in un esecutivo del genere, domanda posta peraltro in un contesto dove era preferibile da parte dei rappresentanti dell’amministrazione il silenzio assoluto, ha clamorosamente fatto un autogol alla Niccolai. L’intervento “politico” nient’affatto attinente al contesto della manifestazione, tra le reazioni del corpo dei docenti presenti e della stessa dirigente Nugnes, ha imbarazzato principalmente chi ha legittimato la sua nomina, ovvero il sindaco facente funzioni D’Aponte il quale ha avuto almeno il buon senso di rispettare il silenzio. All’assessore Giametta infine ricordiamo che la stampa locale fa il proprio dovere, quello di informare i cittadini, piaccia o no siamo in democrazia e in democrazia c’è principalmente il rispetto dei ruoli, quello di assessore è un ruolo importantissimo e occorre che chi lo esercita, abbia la bontà di  esercitarlo nel miglior modo possibile per la collettività. La stessa collettività che ha bisogno di essere informata principalmente quando sorgono forti dubbi, gli  stessi dubbi che Carmela Giametta ha posto al Dott. Cantone ma nei modi, nei tempi e nei luoghi sbagliati: bastava un sereno esame della gravita’ della situazione generale quando ha ricevuto la nomina, forse avrebbe già fugato ogni dubbio su cosa fare senza aspettare il Dott. Cantone.

NEWS CORRELATE