Sant’Antimo, “BILANCIO A CONDUZIONE… FAMILIARE. NIENTE PER DISOCCUPATI E POVERI, SOLO SOLDI ALLO STAFF DEL SINDACO” Il comunicato di Corrado Chiariello

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Consigliere comunale Corrado Chiariello in merito al Bilancio del Comune di Sant’Antimo

“In un periodo di grandi difficoltà come questo l’amministrazione comunale avrebbe potuto e dovuto adottare scelte chiare e coraggiose. Invece, giusto per non smentire la vocazione di una sinistra delle tasse assolutamente autoreferenziale, il Bilancio comunale a tutto guarda fuorché ai cittadini, al loro futuro. Un bilancio, intanto, per la cui approvazione è stato necessario differire la seduta per ben tre volte e nel quale, a nostro avviso, sono ravvisabili diverse irregolarità contabili. Un documento che ignora il sociale e che aumenta le spese per lo staff del sindaco. Del resto, la mancanza di dialogo e condivisione di obiettivi istituzionali seri, da condurre nel rispetto dei ruoli di maggioranza e opposizione, non poteva che portare a scelte deboli o peggio disastrose. In altri termini in questo Bilancio non ci sono le grandi scelte per la città mentre emergono con forza decisioni politiche finalizzate a bilanciare le esigenze di varie questuanti fazioni politiche della maggioranza. Ieri siamo stati dunque chiamati a dar seguito all’atto amministrativo più importante dell’attività comunale, l’approvazione del Bilancio di previsione 2018-2020.  Un documento di programmazione, in sostanza, che dovrebbe indicare l’orizzonte che di questa amministrazione e dirci obiettivi e traguardi.
Certo, non ci sfugge che l’amministrazione è stata appena eletta da quasi un anno e che si è trovata di fronte tante difficoltà (quale Ente non ne ha?) economiche e organizzative che, però, ben conosceva quando si è proposta agli elettori. Da allora è passato quasi un anno e quindi ci saremmo aspettati specifiche misure per contrastare disoccupazione, la povertà ed affrontare tutti quei ben noti problemi dei cittadini e della città che non sto qui ad elencare. Invece, la proposta che ci siamo trovati di fronte (mai condivisa con l’opposizione o partecipata dai cittadini) ci presenta una situazione tutt’altro che coraggiosa.  Si dirà che ci sono stati meno trasferimenti dallo Stato e dalla Regione (come sempre d’altronde) e questo è vero, ma questo non poteva esimere l’amministrazione dall’operare più coscienziosamente nel rapporto spese ed entrate. Ci saremmo aspettati un progetto di sviluppo della città leggibile dal bilancio, non un libro dei sogni o peggio un mediocre esercizio contabile, senza anima, senza una visione politica. Francamente, ci è sembrato di rivedere quei bilanci approvati da commissari straordinari che solitamente portano a condizioni economiche asfittiche.  Se quello che aspetta i nostri concittadini per il prossimo futuro si misura su questo bilancio, ci attendono tempi bui. Ed ecco perché, nello specifico, abbiamo votato contro:

1) Mancata approvazione della nostra proposta di abolire i costi diretti ed indiretti della politica per almeno un anno (visto il precario equilibrio finanziario dell’Ente): il nostro emendamento è stato dichiarato irricevibile in modo strumentale poiché prima della presentazione era stato sottoposto agli organi competenti. Il taglio sarebbe stato almeno di 346.400,00 che corrispondono alle indennità dei Consiglieri Comunali, Sindaco, Assessori e Staff del Sindaco. Quest’ ultimo costerebbe ai cittadini 66.400,00 per 3 componenti alle quali il Sindaco ha apertamente dichiarato che aggiungerà un’altra unità (promesse elettorali?) per combattere la disoccupazione locale (Sic!);

2) Stralcio dal Piano Triennale delle opere pubbliche per circa 6.000.000,00 di €uro per dichiarato errore di valutazione previsionale e modifica della fonte di finanziamento per altre due opere, Via Vergara e realizzazione nuova villetta comunale a Corso Unione Sovietica. Per queste due opere si dovrà procedere alla contrazione di nuovi mutui con la Cassa Depositi e Prestiti con evidenti rischi e ritardi sulla realizzazione delle opere e questo senza entrare nel merito dell’inutilità di una nuova villetta;

3) Differimento per ben tre volte della seduta consiliare per mancanza di proposte di deliberazione e pareri dei funzionari, della Segretaria e dei Revisori dei conti;

4) Stravolgimento del DUP, il Documento Unico di Programmazione, a seguito della modifica del Piano triennale delle opere pubbliche;

5) Taglio del 50% della quota di compartecipazione ai servizi gestiti dall’ambito N17;

6) Aumento della COSAP;

7) Assenza di previsione di sgravi e rimborsi a favore di cittadini richiedenti e già accertati ed incardinati presso l’ufficio fiscalità locale;

8)Stanziamento di 5.000,00 euro per agevolazioni TARI Star Up per le eventuali e nuovi attività che dovessero investire sul nostro territorio (Ci credono o no nelle loro stesse proposte oppure sanno da subito che si tratterà di un vero fallimento?);

9) Definanziamento definitivo di opere pubbliche (edilizia scolastica) per un importo di 600.000,00 euro circa ad opera della Task Force Edilizia scolastica della Regione Campania per aver appaltato 3 interventi di manutenzione straordinaria lavori fuori termine;

10) Previsioni per nulla prudenziali delle entrate derivanti dall’incasso nel 2018 degli oneri concessori (Ufficio Urbanistica) che ottimisticamente potrebbero attestarsi sui 600.000,00 €uro a fronte di 1.600.000,00 €uro certificato dal Responsabile del settore tra l’altro ancora oggi in s.v.;

11)Riconoscimento ed iscrizione di un credito in bilancio di 100.000,00 €uro a nostro favore da parte del Comune di Casandrino (NA) non formalizzato nel corrispondente Bilancio dell’ente debitore;

12) Aumento considerevole dei debiti fuori bilancio;

13) Stanziamenti esigui per non dire inesistenti per le manutenzioni urbane (stradale, impianti elettrici, aree a verde, ecc.).

Si tratta di un bilancio povero di idee, di cui molte sbagliate. Quello che si presentava come un cambiamento dirompente ha dimostrato di essere tutto un inconsistente palcoscenico, un fallimento annunciato”

Corrado Chiariello

NEWS CORRELATE