Grumo Nevano, ANTIMAFIA 2000 “DILAGA LA CAMORRA DEI COMUNI”. MIRINO SU 27 MUNICIPI di Fabrizio De Feo

A marzo, in commissione parlamentare antimafia il Prefetto Gerarda Pantalone aveva spiegato che “ …la Prefettura di Napoli svolge un’attenta attività di monitoraggio. Monitoraggio che viene attivato generalmente quando un comune è stato già destinatario di provvedimento di rigore e quindi di scioglimento, quando vi è stato un accesso che non si è concluso con il provvedimento di scioglimento, quando vi sono state attenzioni da parte dell’autorità giudiziaria o ancora quando vi è una serie di denunce di situazioni da consiglieri dell’opposizione o di situazioni eclatanti di cui la prefettura viene a conoscenza, quindi si segue con particolare attenzione l’attività gestionale e amministrativa delle amministrazioni locali….

E aveva aggiunto: “…Innanzitutto un dato che a me sembra molto preoccupante è quello della continuità e rigenerazione degli amministratori locali. Mi spiego meglio: noi troviamo a distanza anche di 15 o 20 anni gli stessi amministratori che erano in carica nel momento in cui l’ente locale è stato sciolto per infiltrazione camorristica, e li troviamo magari sotto un’altra veste politica, magari con delle liste civiche o addirittura cambiando coalizione da un lato all’altro, ma li troviamo presenti…L’altra considerazione: per moltissimi di questi amministratori che hanno una certa continuità nell’amministrare l’ente locale abbiamo contatti -accertati dalle forze dell’ordine o dalla magistratura, in molti casi anche da sentenze- diretti o indiretti, spesso molto diretti, con la criminalità organizzata… Un altro elemento a fattor comune è quello della potenziale o accertata vicinanza di elementi contigui alla criminalità organizzata durante la fase della campagna elettorale o in alcuni casi che hanno accompagnato il corteo della vittoria del neo eletto sindaco. E come meravigliarsi se – come racconta il Prefetto ai parlamentari della Commissione Antimafia- quando si va a verificare il modo in cui si sono svolte le procedure di voto si scopre che “….Un altro tratto per tutti questi comuni che abbiamo esaminato: durante le consultazioni elettorali, durante le operazioni di voto o durante la campagna elettorale vi sono state denunciate delle situazioni oggetto di attenzione da parte della magistratura. Parlo delle semplici operazioni di voto: abbiamo persone denunciate, a cominciare dai presidenti di seggio, dagli scrutatori o dagli stessi elettori che hanno compiuto reati o irregolarità in materia di consultazioni elettorali…”. E questo dovrebbe bastare a comprendere la portata del problema…

di Fabrizio Feo
Ventisette comuni su 72. Praticamente un comune su tre in provincia di Napoli è a rischio infiltrazione. Il Prefetto di Napoli Gerarda Pantalone lo aveva detto senza giri di parole in Commissione Parlamentare Antimafia già nel marzo scorso. Un dato sconvolgente, basato su elementi raccolti con un lavoro certosino, informazioni incrociate da investigatori magistratura, prefettura, eppure, probabilmente, solo il segnale di una realtà ben peggiore.
Il Prefetto di Napoli si presenta in Commissione quando stanno cominciando ad affluire al suo ufficio le prime notizie -che pure sono ancora parziali, per ragioni di riservatezza- dei risultati di una indagine dei Carabinieri del Ros e della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli sul clan Polverino (costola, poi divenuta dominante, della storica famiglia camorristica, affiliata anche a Cosa Nostra siciliana, dei Nuvoletta di Marano). Le informazioni che arrivano a Gerarda Pantalone dicono che proprio al Municipio di Marano c’è qualcosa che non va come dovrebbe. Il Prefetto spiega ai commissari che Marano è tra quei 27 comuni che sono finiti sotto osservazione. Anzi, è nel novero di una decina di Comuni monitorati, se possibile, ancora con maggiore attenzione. A quel punto la seduta della Commissione e di conseguenza gli atti dell’audizione del Prefetto vengono segretati.

FONTE  www.antimafiaduemila.com

NEWS CORRELATE