Grumo Nevano, LA PAGELLA DEGLI ASSESSORI, SINDACO, MAGGIORANZA: LA PIU’ NEGATIVA DELLA STORIA REPUBBLICANA

Peggio dello scorso anno, la città è tornata indietro di secoli nel merito del saper governare, amministrare una città con vero senso civico, quello che manca al sindaco, ai 10 consiglieri della maggioranza e ai 4 assessori.


Carmine D’Aponte ZERO MENO MENO AL QUADRATO

Un disastro contabile, addirittura con proposte di copertura di alcune spese bocciate dai revisori dei conti come il debito fuori bilancio di via Pola. Fallimento totale sulla programmazione del bilancio, da assessore alle finanze non ha mosso un dito per l’anticipazione di cassa di oltre 350.000 euro per anticipare i 600.000 euro al concessionario 48 alloggi. Clamoroso il flop sulle cartelle pazze imu non dovute, errate, annullate, una Caporetto contabile.

———————————-

Mario Lamanna ZERO MENO MENO AL QUADRATO

Non ne ha azzeccato una. Stendiamo un velo pietoso sull’ecologia e viabilità: siamo all’anno zero! Eccelle nelle bufale urbanistiche dalle zone b alle zone f con proposte che oltre ad andare all’attenzione del TAR, addirittura una sentenza sulla zona b per il famoso abuso di via donizzetti, non ha neppure preso in considerazione la sua proposta votata in consiglio comunale. Un disastro pure nelle cose in cui aveva dei presunti meriti politici, la mediazione, anche in quella ha fallito dimostrando in certi casi di non avere quella cultura politica sufficiente. Un assessore inutile per la città, utile solo a se stesso.

———————————-

Antonio Chiacchio ZERO MENO MENO AL QUADRATO

Lavori pubblici dello sperpero di denaro pubblico, da via pola ai 48 allogggi, alla proposta dei container per gli uffici comunali, le scuole: un disastro che oltre a creare sofferenze al bilancio sta creando non pochi problemi ai cittadini, alla platea scolastica. Inammissibile la questione della direzione dei lavori in cantiere privato mentre era assessore, cosa non previsto dalla legge.

———————————-

Carla Cimmino VOTO IMPOSSIBILE NON C’E’ FORMULA MATEMATICA

La città non ricorda di avere un assessore alle politiche sociali, tant’è la latitanza politica sugli aspetti sociali. Talmente alto il tasso di inefficienza politica e amministrativa, che dare un voto, anche negativo, è una impresa ardua.

———————————-

Rosa Bencivenga SV

Cosa dire è quì da tre mesi, sulla questione scolastica di via Giotto non abbiamo ascoltato o letto nulla di che, per il resto ordinaria amministrazione. E per l’ordinario non c’era bisogno di andare a scegliere a Frattamaggiore.

———————————-

Sindaco VOTO IMPOSSIBILE NON C’E’ FORMULA MATEMATICA

Chiude il 2016 peggio del 2015 riportando la città indietro di molti anni. Basta parlare con la gente: non si riscontra un giudizio positivo, principalmente quelli che hanno avuto la sfortuna di votarlo. Ma sappiamo che a lui non interessa il parere della gente tanto sa benissimo che deve sfruttare al massimo questo momento e fa spallucce su tutto. Non sappiamo quanto durerà, ma sappiamo che quando andrà via, ci sarà bisogno di ricostruire dalle fondamenta un bilancio comunale, una città, in tutte le sue forme principalmente nei rapporti con la scuola, con le associazioni, con gli esseri umani. Disastro di etica politica, tecnica e di gestione sulle vicende edilizie familiari. Non ha realizzato un solo punto del suo programma impegnandosi in goffi tentativi di sistemare le zone b e zone f: tutto bocciato. Ha sottoscritto un accordo con il concessionario dei 48 alloggi per anticipare 600.000 euro di soldi dei grumesi facendo pagare interessi su 353.000 euro anticipati dalla banca. Per chiudere il 2016 ha deciso che gli uffici comunali valgono più della felicità dei bambini della scuola di via Giotto creando loro disagi operativi e psicologi spostandoli altrove. Credevamo di aver visto il peggio lo scorso anno, dobbiamo ricrederci.

————————————–

Angelo Rennella ZERO MENO MENO AL QUADRATO

Sarà ricordato come il presidente del ferragosto sulle zone F. Un goffo tentativo di salvare l’obiettivo delle zone F che non ha dato i frutti sperati. Come lo scorso anno, non è cambiato nulla, un  presidente esclusivamente per la maggioranza che in molti casi ha interpretato il regolamento e lo statuto a modo suo. Politicamente incoerente rispetto a quello che aveva fatto dai banchi dell’opposizione, ha confermato il suo innato senso politico del doppiopettismo.

————————————

Consiglieri comunali VOTO IMPOSSIBILE NON C’E’ FORMULA MATEMATICA

Assegnare un voto alla maggioranza è impossibile, non c’è valore matematico negativo tale da definirli politicamente. Riprendiamo la valutazione dello scorso anno, peggiorata in tutti i sensi. Hanno avallato questo disastro amministrativo, per la loro inefficienza politica, per la loro assenza verso le problematiche più importanti che interessano i cittadini, le risorse economiche, la tassazione selvaggia, l’abbandono nei servizi, nella manutenzione, non c’è voto che tenga a questa desolazione politica e amministrativa, sono i principali responsabili politici di 18 mesi che passeranno alla storia politica come i peggiori degli ultimi 51 anni. In  consiglio comunale abbiamo ascoltato interventi intrisi di supponenza e patetiche citazioni letterarie, senza costrutto ne anima politica. Conosciamo bene alcuni di essi e la loro buona fede, con amarezza però non abbiamo riscontro di prese di posizioni forti su vicende di una gravità enorme come la questione dei bambini delle scuole, anzi solo interventi impacciati tendenti a minimizzare o in alcuni casi a difendere l’indifendibile. Una compagine di maggioranza politicamente tra le più inefficienti viste all’opera.

BUON ANNO A TUTTI

 

NEWS CORRELATE