Grumo Nevano, STADIO COMUNALE ARRIVA LA SOLITA PROPOSTA “A PANE E PUPARUOLO”: Sei mesi ad un cittadino per curare il manto erboso, il resto è inagibile.

Pare che sia pronta una convenzione con un cittadino grumese che gestisce una squadra di giovani calciatori. In attesa di privatizzarlo per sempre.

Avevamo anticipato la notizia, adesso sembra che ci siamo con una soluzione tampone, la solita senza testa ne coda, “a pane e puparuolo” come si dice dalle nostre parti. Con una struttura inagibile e vietata al pubblico lato tribuna e spogliatoio vandalizzato, invece di sistemare il tutto, sembra che l’amministrazione ha deciso di consegnare le chiavi ad un cittadino che per sei mesi si occuperà del manto erboso atteso che lo stesso già si occupa di giovani calciatori. In che modo farà gestione e manutenzione,  con quali mezzi,  lo leggeremo nel documento di affidamento. Con quali soldi, con quali impegni e garanzie visto che comunque lo stadio è un bene pubblico aperto a tutti i cittadini. La cosa strana è  che non abbiamo ancora visto un bando o avviso per una manifestazione di interesse alla gestione rivolta a tutti i cittadini. Resta il nodo della inagibilita’ che stranamente viene ignorata da tutti. Si continua ad ignorare leggi, norme di sicurezza e modo di amministrare trasparente. Tutto “A PANE E PUPARUOLO”.

 

NEWS CORRELATE